Amadori, il futuro passa per il Mise