«Mandiamo a casa i commissari, poi rifondiamo la sanità»