In Comune sì e in Regione no: Facciolla dichiara guerra a Giustini