Concorsi, seduta fiume ma Toma non torna indietro