L’editto non ferma il ‘ribelle’: domani ognuno voterà come ritiene opportuno