«Sevel non è l’unica isola infelice di Fca»