Coronavirus, lettera aperta dell’Ordine dei Medici di Campobasso e Isernia